It looks like you are using an older version of Internet Explorer which is not supported. We advise that you update your browser to the latest version of Microsoft Edge, or consider using other browsers such as Chrome, Firefox or Safari.

Per i genitori

Come gestire la trombocitopenia immune del proprio figlio

La ITP (Immune thrombocytopenia) può insorgere anche in età pediatrica. Fino a 5 bambini su 100.000 presentano questa patologia. Si tratta di una condizione che tende a risolversi con la crescita e che scompare più velocemente nei bambini rispetto alla stessa patologia negli adulti. Ciò nonostante, può diventare cronica in 1 bambino su 4 e, di conseguenza, può richiedere un trattamento specifico.1,2 Anche in questi casi è comunque possibile una guarigione completa.3

La preoccupazione principale per i genitori di bambini affetti da ITP sono le emorragie. In generale, in tutti gli individui affetti da questa malattia, le piastrine basse si traducono nella difficoltà di formazione dei coaguli necessari per fermare la fuoriuscita di sangue, a seguito di un taglio, una ferita oppure un’escoriazione. Inoltre, meno dell’1% dei bambini con ITP è soggetto a emorragia cerebrale spontanea, una complicazione potenzialmente fatale ma che può essere trattata con successo se individuata tempestivamente.3

Come gestire la ITP in età pediatrica? Quali particolari attenzioni deve avere un genitore?

I bambini affetti da ITP, oltre a dover affrontare la malattia dal punto di vista fisico, si ritrovano a gestirne anche le conseguenze a livello psicologico e sociale. Per esempio, possono sentirsi imbarazzati perché si percepiscono come “diversi” dai coetanei, spaventati dalla possibilità che un banale incidente possa essere fatale, arrabbiati per gli effetti secondari dei trattamenti, frustrati per le restrizioni alle attività fisiche e via dicendo. La cosa migliore che possono fare i genitori è assumere un approccio empatico, immedesimandosi nei panni del bambino e diventando sensibili ai suoi particolari bisogni. A tal proposito, può essere utile avviare un dialogo costruttivo con il proprio figlio, cosicché possa essere agevolato nell’accettare sia la malattia di per sé sia le limitazioni che comporta, come pure spiegargli la necessità di seguire le indicazioni sia da parte dei genitori e sia dei medici curanti. Per i bambini più grandi o adolescenti, può essere utile “trattarli da adulti” coinvolgendoli, quando possibile, nella gestione della malattia e della routine quotidiana che ne consegue.3

Un dubbio che affligge spesso i genitori è quello relativo alle attività sportive. Possibili cause di traumi e infortuni, che per questo tipo di malattia possono rapidamente trasformarsi da eventi banali a potenziali pericoli se non rivelarsi addirittura fatali. La domanda che si pongono i genitori è la seguente: un bambino affetto da ITP può praticare sport? La risposta è sì, ma con delle accortezze. Ovvero, la ITP non dovrebbe essere di ostacolo alla vita del bambino. Nello specifico, per quanto riguarda le attività sportive e ricreative, perché l’esercizio fisico, soprattutto se praticato in squadra, è un aspetto fondamentale per il suo corretto sviluppo fisico e sociale. Sarà però necessario evitare sport che implicano contrasti e scontri fisici, oltre che far indossare al bambino le adeguate protezioni. In tal senso, il medico curante o il pediatra possono fornire preziosi suggerimenti pratici.2,3

Un aspetto fondamentale che i genitori di bambini che presentano ITP devono tenere ben presente, è il fatto di comunicare, a tutte le persone coinvolte nella vita del proprio figlio, che è affetto da trombocitopenia. Quindi, oltre allo staff medico che segue il bambino nella terapia quotidiana e nelle eventuali cure di emergenza, va avvisato anche il personale della scuola (insegnanti, bidelli etc.) e di altre strutture che frequenta abitualmente (allenatori, educatori etc.). A tal proposito, può essere utile far indossare al ragazzino un bracciale o una collana con l’apposita indicazione relativa alla malattia. In tal modo il bambino può essere sempre circondato da adulti che sanno come comportarsi in caso di incidente o emorragia, dandogli così un primo soccorso efficace.3

Quando bisogna rivolgersi al medico?

In generale, il medico curante dovrebbe essere informato di qualsiasi cambiamento delle condizioni del bambino3. Solo lui, infatti, è in grado di individuare e interpretare potenziali situazioni di emergenza. I segnali di allarme che dovrebbero spingere il genitore al confronto immediato con il medico sono:3

Emorragie

Emorragie che non si arrestano (es. ferite, sangue dal naso o per un dente caduto etc.)

Mal di testa

Il bambino lamenta mal di testa

Ferite

Qualsiasi ferita alla testa

Rigurgito

Presenza di sangue in rigurgito, urine o feci

Gonfiore

Gonfiore a seguito di distorsioni o strappi


 

Fonti:

  1. “Chronic itp and your child” (2017 Novartis) – myITPlife - https://www.myitplife.com/globalassets/myitplife/my_itp_life_chronic_itp_and_your_child.pdf (Data ultimo accesso 27.11.2018)
  2. “ITP in Kids”; PDSA (Platelet Disorder Support Association); https://www.pdsa.org/children.html (data ultimo accesso 27.11.2018)
  3. When A Child Has ITP. A resource guide for parents” - PDSA (Platelet Disorder Support Association) - https://www.pdsa.org/images/stories/pdf/ChildHasITPentirebooklet.pdf - (Data ultimo accesso 27.11.2018)